Safranli karnabahar (cavolfiore in crema di zafferano)

cavolfiore-in-crema-zafferano

Guardando le meravigliose creazioni dei miei amici Blogger e leggendo i loro scritti in questo periodo che precede il Natale, non posso non provare nostalgia per tutto ciò che la festività più importante dell’anno porta con sè. Le ricette tradizionali che vengono reinterpretate e che non mancano di particolari, aneddoti familiari, racconti di vita vissuta . Quel concentrato di amore e sentimento che una volta l’anno si ripete e riunisce tutte le famiglie sotto il vischio ad aspettare l’evento, la celebrazione cristiana più amata. E poi le posate , i bicchieri e le tovaglie da corredo che adornano le tavole…. Dal canto mio, da questa parte del mondo, sebbene gli alberi di Natale siano stati egualmente addobbati, non avverto minimamente quell’atmosfera che di solito caratterizza il nostro animo prima del Natale. Non è solo per una diversa locazione geografica e culturale; la vita cambia, e per alcuni di noi, determinati capitoli si concludono e il Natale diventa “ quello che ti porti nel cuore” e che un tempo non tanto lontano, rappresentava “il momento più bello” in assoluto. Un “presepe “ di emozioni e sensazioni rassicuranti che nutrivano la nostra vita , alimentandone l’essenza stessa. Continuo a cucinare, ma devo ammettere che non ho ancora trovato la “mia dimensione”. Col tempo, andrà meglio! Intanto ho preparato questo piatto di facile e veloce realizzazione e che risulta essere di gusto molto raffinato e delicato. Inoltre, date le rigide temperature, non dovrebbe mai mancare sulle nostre tavole, in quanto ricco di vitamina C. ( in ogni 100 gr se ne trovano circa 50 mg come nelle arance) Il vino suggerito è il bianco Turasan Emir , proveniente dal vitigno tipico dei paesaggi lunari della Cappadocia, regione di fascino che regala questo vino dalla solida struttura, secco e dalle note fruttate.

Cavolfiore in crema di zafferano
Ingredienti:
– 1kg di cavolfiore lesso
– 500 ml latte
– 50 gr di farina
– 50 gr di burro
– Sale
– 1 bustina di zafferano
– Olio EVO q.b.
– 100 gr di parmigiano
Preparazione:
Lessare il cavolfiore in acqua bollente e salata. Preparare la besciamella sciogliendo il burro, aggiungendo la farina e immediatamente dopo il latte. Lavorare energicamente con una frusta d’acciaio, facendo in modo che non si formino grumi. Quando la besciamella inizia a risultare densa, aggiungere il sale e lo zafferano. Amalgamare ben bene lo zafferano, affinché si sciolga del tutto e spegnere. In una teglia adagiare un foglio di carta da forno bagnato e strizzato e sistemarvi il cavolfiore, olio e coprire bene le verdure con la besciamella. Infine, cospargere la superficie col parmigiano, infornare a 180° ventilato e cuocere per almeno mezz’ora.

Annunci

20 Comments Add yours

  1. lericettedibaccos ha detto:

    molto invitante questo piatto.

    1. Proprio così: invitante e versatile! Grazie e a presto!!

  2. The Master Of Cook ha detto:

    Marilena credo che un certo “raffreddamento” nel sentimento natalizio sia naturale. Io mi rendo conto che man mano che passa il tempo sente sempre meno l’atmosfera e l’attesa che invece caratterizzavano la mia adolescenza.
    Il fascino resta sempre ma la maturazione porta a vedere con distacco quella che è, almeno per la maggior parte degli adulti, una festa di tipo commerciale.
    🙂

    1. Grazie Emanuele per esserti soffermato a scrivermi… non mi sbagliavo, sei davvero una cara persona… Ti abbraccio:-)

      1. The Master Of Cook ha detto:

        Ci mancherebbe Marilena, è un piacere. 🙂

  3. Ilaria ha detto:

    Anche se sei lontana da qui, quell’atmosfera natalizia festosa sono sicura che ce l’hai nel cuore! 🙂 Ottima questa preparazione, un abbraccio grande! 😉

    1. Si proprio così, se hai letto anche lo scritto: è proprio lì che tutto si custodisce. Sereno pomeriggio a te Cara Ily:-)

  4. Magari lo faccio diventare uno dei contorni di Natale, vuoi?! Così ti sentì più vicina all’atmosfera di casa nostra, quella che ti ha già risvegliato alcuni ricordi…
    A presto, cara.

    1. Silva così mi fai commuovere:-) Hai letto il mio scritto vero?ti sento vicina e questo significa molto per me. Grazie per la tua sensibilità, per il tuo affetto,mi scalda il cuore. Ti abbraccio.

      1. Ti abbraccio anch’io.

  5. paneepomodoro ha detto:

    Leggo un po’ troppa malinconia in questo post! Forza: nella vita tutto cambia e se è un periodo brutto adesso, presto si aprirà sicuramente un periodo positivo! Ottima ricetta!

    1. Grazie Cara Silvia😊Si, come hai ben colto la malinconia la fa da protagonista, ma è unicamente legata alla mia famiglia, alle persone che non ci sono più…lo so, bisogna andare avanti ed è quello che faccio, ma talune volte l’assenza è troppo forte…. ma poi si riparte come sempre del resto! GRAZIE davvero tante per l’attenzione che mi hai rivolto😊

  6. afinebinario ha detto:

    Mi sembrava di avvertire odore di buono. E qui odore ce n’è da vendere. 😉
    Una bella ricetta soprattutto salutare e di non difficile esecuzione.
    Tanti getti serrati tra di loro che formano una grande chioma come stretta in un abbraccio, la di zafferano li pennella di oro 🙂
    Magia di un piatto buono tutto l’anno.
    Un abbraccio speciale che possa togliere il velo di malinconia che ogni tanto si deposita nei tuoi pensieri. 😉
    Affy

    1. Grazie Cara Affy😊 ma sai che ricevo il tuo post solo ora? Che strano… forse nulla è per caso. Dovevo leggere le tue righe proprio oggi, perché è il mio Compleanno📦 le tue parole sono care, come te. Grazie😊

      1. afinebinario ha detto:

        AUGURONI Marilena … buon compleanno.
        Un bacio grande grande e sappi che mi sei tanto cara anche tu 😉

  7. Ti avevo promesso (di là a casa mia) che sarei passata…ma ho fatto davvero tardi! 🙂 Penso sia normale che ancora tu non abbia trovato la tua dimensione. Saresti strana ad averla già trovata. Vedrai che ci vorrà un pochino, ma arriveranno equilibrio e serenità fatte di nuove certezze, che bisogna costruirsi pian piano. Vedrai che anche l’atmosfera natalizia fra un po’ farà il suo dovere.
    Ti abbraccio forte e spero di sentire ancora i tuoi racconti di “quell’altra parte del mondo”.
    Buona notte e a prestissimo!

    P.S intanto mi segno questa ricettina per cucinare questi benedetti cavolfiori che non so mai bene come sistemare 🙂

    1. Grazie Angiola per le tue parole, sei tanto Cara:-) Voglio raccontarti un po’. Sai? qui ci siamo stati 4 anni fa per ben 4 anni. Un’esperienza costruttiva, che ci ha arricchiti molto. Questa volta l’impatto è stato duro. Tutto è cambiato! Ma sebbene non sia cosa facile, siamo tenaci e propositivi. Quando parlo di Natale, io parlo di famiglia. Sono le PERSONE che fanno di questo giorno qualcosa di unico e speciale. Quando se ne vanno via “tutte”una dopo l’altra in poco tempo, è devastante, anche se, nell’ordine naturale dell’esistenza è previsto anche questo. Sono forte, lo sono e ci lavoro tutti i giorni per esserlo sempre di più; ma inevitabilmente, vi sono dei momenti in cui manca l’aria, ma poi passa e si torna a sorridere alla vita, che è la FORZA più GRANDE! Mi ha fatto piacere aprirmi un po’ con te, sembri così dolce e allo stesso tempo determinata e poi il tuo Blog è sicuramente tra i più raffinati, da cui si può certo imparare… Ancora GRAZIE:-) ti auguro un Buon mercoledì. CIAOOOO

  8. Sai Marilena, ieri sera quando ti ho scritto mi ero accorta che le tue parole un po’ malinconiche non erano rivolte solo al cambiamento di Paese, ma anche ad altro…la perdita delle persone care, soprattutto quelle vicine, crea un dolore devastante che è giusto vivere e non reprimere in nome del dover essere sempre forti e all’altezza della situazione, anche quando non siamo in grado di esserlo. E te lo dice una che sbaglia sempre in questo senso. Per superare le situazioni difficili e dolorose bisogna viverle e attraversarle, non c’è altra soluzione e in fondo è giusto che sia così. E poi arriva la vita che ti stupisce, come sempre. Quindi viviti la tua malinconia, sarà il tuo trampolino per tante altre cose belle. Ne sono sicura.
    Grazie mille per le tue parole su di me e sul mio blog: faccio del mio meglio, quasi sempre 🙂 E’ vero che sono determinata, a volte forse troppo e nelle direzioni sbagliate. Ho ancora un sacco di cose da imparare.
    Ti abbraccio fortissimo

    P.S Perchè a Natale non fai una cosa che non hai mai fatto prima? Una cosa completamente diversa dalle solite? Se deve essere un Natale diverso, che lo sia davvero!

    1. Abbiamo tutti da imparare, sempre,a tutte le età. Hai ragione, su ogni cosa. Hai l’età della mia cuginetta che ora è medico e che, quando è arrivata io ne avevo 10 e 1/2 e le cantavo le ninna nanne per farla addormentare…(una cancerina anche lei) Questo per dirti,per riconoscerti una certa maturità non proprio scontata oggi. A Natale, penserò al tuo suggerimento e ti racconterò… quello che mi auguro è di ritrovare l’entusiasmo, quello che mi caratterizzava e che nonostante gli sforzi, non ritrovo più:-( ilBLOG nasce per essere un motivo quotidiano che mi sproni a non chiudermi e ad alimentare ciò che mi rende felice: cucinare. Un’idea di mio marito, per distrarmi in qualche modo da anni di prove ardue. E visto le persone, come te che sto conoscendo, devo ammettere che ha fatto bene ad insistere… sai? Ero molto restia in merito a queste nuove forme di comunicazione, di contatto; sono una romantica, nostalgica e antica senza speranza! Angiola, il tuo abbraccio forte me lo prendo tutto! E lo ricambio, dicendoti che “sei la benvenuta nel mio cuore” per qualsiasi cosa ok? Allora Buona pausa pranzo a te Cara:-)

  9. Buon pranzo anche a te cara Marilena,
    sono sicura che ritroverai l’entusiasmo che già riesci comunque a trasmettere.
    A prestissimo e grazie!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...